finanziamenti dipendenti, prestiti dipendenti, cessioni del quinto dipendenti, fidejussioni | SOFIM

Fate attenzione a chi chiedete un prestito

17 gennaio 2011 di sofim

grande punto esclamativo - attenzioneI prestiti vengono concessi secondo la solvibilità del debitore dopo aver effettuato accertamenti in base alle informazioni del registro delle esecuzioni e del centro d’informazione per il credito (ZEK). Nel caso in cui il richiedente è considerato insolvente non viene concesso alcun prestito. Quando ci si trova in serie difficoltà finanziarie è facile imbattersi in società o privati poco affidabili che promettono liquidità a condizioni vantaggiose ma che molto spesso richiedono un anticipo per sbloccare una somma depositata presso un istituto di credito all’estero.

Attenzione si tratta di una truffa!
I truffatori si celano spesso dietro l’identità di un agente assicurativo o una persona di fiducia e può capitare che la vittima venga chiamata all’estero per discutere del prestito e da cui però tornerà a mani vuote!

Innanzitutto rivolgetevi sempre ad istituti seri e competenti valutando in modo scrupoloso le offerte e cercando informazioni sui creditori, rifiutandovi di pagare qualsiasi somma a titolo di anticipo spese. In ogni caso bisogna sempre essere prudenti quando uno sconosciuto vi propone un credito a condizioni estremamente vantaggiose, ricordarsi di non versare anticipi di spese o provvigioni a persone sconosciute senza aver prima chiesto ai professionisti del settore informazioni sulla credibilità del vostro interlocutore. È bene prestare la massima prudenza quando, dopo che vi è stato versato del denaro per errore, vi si chiede di versare questa somma a degli sconosciuti attraverso una società di trasferimento di fondi. In caso di sospetto di truffa o di riciclaggio di denaro, informate la polizia giudiziaria o il Servizio di coordinazione per la lotta alla criminalità su Internet SCOCI (Ufficio federale di polizia).

Nessun commento »

Lascia un commento