finanziamenti dipendenti, prestiti dipendenti, cessioni del quinto dipendenti, fidejussioni | SOFIM

Il consolidamento

10 gennaio 2011 di sofim

Ogni mese molte famiglie devono destreggiarsi tra più rate diverse da pagare, questa situazione crea grande confusione: senza poi sapere con precisione quale importo resta ancora da versare per il mutuo o per gli altri prestiti in corso.
La soluzione si chiama consolidamento dei debiti, che consente di poter gestire meglio tutti i debiti che si hanno all’attivo.

Il consolidamento permette di accorpare in un’unica rata tutte le piccole rate del mutuo per la casa e altri prestiti, quindi l’estinzione anticipata della situazione debitoria. La rata unica sarà di un importo sostenibile per il debitore, includerà sia la restituzione del capitale sia gli interessi calcolati in base al capitale residuo da restituire e sarà calcolata caso per caso dall’istituto bancario presso cui ci si rivolge. D’altra parte si allungherà la durata complessiva del prestito. Per pianificare e rendere operativa questa operazione si richiedono numerose garanzie: un esempio è l’ipoteca su un immobile proprio (eventualmente fornibile anche da terzi).

Una particolare attenzione si deve  prestare alla riformulazione del tasso d’interesse che potrebbe diventare più alto, col rischio di ritrovarsi una rata che non è più sostenibile con l’applicazione del tasso.

Nessun commento »

Lascia un commento