finanziamenti dipendenti, prestiti dipendenti, cessioni del quinto dipendenti, fidejussioni | SOFIM

Cosa cambia nel credito al consumo

14 marzo 2011 di sofim

La Banca d’Italia ha messo in atto nuove disposizioni sul fronte della trasparenza nei contratti di credito al consumo che porteranno lo sviluppo di un mercato più competitivo ed integrato a livello europeo. Anche nel Testo Unico bancario sono state aumentate le tutele per chi stipula contratti e attribuiti nuovi diritti ai consumatori: maggiori obblighi di informazione verso i consumatori e presidi di carattere organizzativo a carico degli operatori.

Il consumatore deve essere in grado di selezionare in modo consapevole il prodotto più adatto alle proprie esigenze tra le varie offerte presenti sul mercato, stesso discorso vale per le polizze assicurative, al fine di garantire libertà di scelta, informazioni chiare sui costi complessivi.

L’obiettivo di realizzare un coordinamento tra la disciplina generale sulla trasparenza e quella specifica del credito ai consumatori ha contribuito alla creazione di norme specifiche per gli affidamenti in conto corrente e le carte di credito.

1 Commento »

1 commento

Lascia un commento